DOMANDE FREQUENTI: CHIRURGIA

01

Posso lavarmi i denti dopo un'estrazione dentaria/intervento parodontale?

 

Certamente, dopo un'estrazione dentaria o un intervento parodontale, più la bocca è pulita e meglio è. Non utilizzare lo spazzolino però nel sito dell'intervento, almeno per qualche giorno, e non sciacquare  la bocca in maniera molto energica. 

Si puo' utilizzare per una settimana un colluttorio alla clorexidina 0,20 per aiutare la disinfezione del cavo orale.

Posso mangiare/fumare dopo un'estrazione dentaria/intervento parodontale?

 

Mangiare ovviamente si, avendo cura di evitare cibi molto caldi o piccanti. Dopo l'intervento possono volerci alcune ore perchè passi l'effetto dell'anestesia; fai perciò attenzione a non darti involontariamente dei morsi, se mangi qualcosa.

Il fumo invece è un forte irritante per le mucose e ritarda molto la guarigione delle ferite. Quindi si raccomanda di non fumare o limitare al massimo  l'uso delle sigarette.

02

Cosa devo fare se ho dolore in seguito ad un'estrazione dentaria/intervento parodontale?

 

Passato l'effetto dell'anestesia è possibile avvertire dolore; nel caso si può prendere un antidolorifico. Normalmente nel giro di un paio di giorni dovresti stare meglio.  Qualora nei giorni a seguire il dolore tenda ad aumentare ed il sito dell'intervento presenti gonfiore e/o salga qualche linea di febbre, chiama in studio, probabilmente dovrai iniziare una terapia antibiotica. 

03

Studio Dentistico Dr. Stefano Zompetti

Laurea in Odontoiatria e protesi dentaria conseguita con lode il  5 maggio 1992 presso l'Università di Siena, Iscrizione all'ordine dei medici e odontoiatri n° 169 AR

Domicilio Fiscale: Via Modigliani 28, 52100 Arezzo (AR) Domicilio professionale: Via Corinto Corinti 87/c, 52043 Castiglion Fiorentino (AREZZO) 

CF: ZMPSFN66T04L736Q   P.IVA: 01425150511 Tel: 0575 680448   e.mail: zompetti.studio@gmail.com

Il sito fa uso di kookies tecnici

 

Il titolare dello studio dichiara che il sito è conforme alle Linee Guida inerenti l'applicazione degli art. 55-56-57 del codice di deontologia medica